Dilettanti: chi scende e chi sale




CHI SALE

CASTELDARIO: la vittoria nel derby contro i cugini dello Sporting Club ha decisamente portato in rialzo le quotazioni della formazione bianconera che ora è ad un passo dalle primissime posizioni della graduatoria.

BORGO VIRGILIO:  la giovane formazione di mister Bellini conquista la seconda vittoria consecutiva in casa e consolida un quarto posto decisamente interessante e di prospettiva, confermando le buone indicazioni fatte in questo primo scorcio di campionato.

SERMIDE: la battuta d’arresto del precedente turno di campionato è stata dimenticata con un sonante 3-0 nei confronti della Roverbellese, confermando un terzo posto forse insperato ad inizio torneo.

BOCA JUNIORS:  la formazione di Carbonara e Borgofranco è in netta ripresa e la conferma la si è avuta domenica scorsa con la sonante vittoria sul campo di un Real Porto sempre fermo al palo.



CHI SCENDE

CASTELLANA : i ragazzi di mister Cogliandro sono incappati in una brutta sconfitta casalinga nel quasi derby con il Vighenzi del mantovano Dal Maschio. Necessita un repentino cambio di marcia per dare un senso al campionato evitando di restare coinvolti nella bagarre di bassa classifica.

ASOLA: i biancorossi di patron Tozzo non riescono a prendere il volo, e la sconfitta contro l’Ome conferma il brutto momento di una formazione che per l’organico di cui dispone non è certamente da ultima posizione in classifica.

SUZZARA: il poker subito in casa è un ulteriore campanello d’allarme suonato dopo la precedente sconfitta esterna con la Bagnolese. Per i bianconeri urge un cambio di passo che dovrà avvenire il piu’ presto possibile per evitare di rimanere troppo distanti da una vetta che era ed è obiettivo della societa’ suzzarese.

SUSTINENTESE: al peggio non c’è limite. Purtroppo siamo sempre a sottolineare come la formazione gialloblu sia troppo debole e distante dai valori della altre formazioni in campo, con conseguenti batoste domenicali a doppia cifra che certamente non contribuiscono a cementare lo spirito del gruppo nel quale l’eterno portiere Moretti fa quello che puo’.

G.Nicolini