Manita del Mantova femminile al Crema

Mantova Femminile – Ac Crema 1908 5-0 ( p.t. 3-0)

Vittoria netta e senza patemi per le biancorosse del duo Placchi-Arvani opposte domenica 27 febbraio al Crema, formazione di bassa classifica ma che ha dimostrato comunque buone individualita’ soprattutto nel portiere autore di diversi interventi di pregevole fattura.

Inizio in discesa per le mantovane che dopo pochi minuti passano in vantaggio con Bettinardi lesta ad insaccare in mischia, per poi consolidare il risultato con il bomber Cutarelli autrice di una rete da vera opportunista d’area e da una seconda rete su calcio di rigore concesso per un plateale fallo di mani in area da parte di un difensore cremasco. Nella ripresa il copione non è cambiato, con le mantovane che hanno messo a segno altre due marcature , la prima con Ciresola con un fendente da fuori area che non ha dato scampo al portiere cremasco e poi con Dal Frà precisa nel calciare a rete dall’interno dell’area di rigore. Da segnalare oltre all’ottenimento della settima vittoria consecutiva , il prosieguo dell’imbattibilità del portiere Maffezzoli ormai giunta ad oltre 720 minuti.

Nel prossimo turno le mantovane saranno attese dal difficile incontro di Guardamiglio (Lodi) contro le locali del Globo Calcio, con la ferma intenzione di mantenere la seconda piazza in graduatoria e con un orecchio allo scontro diretto in programma a Bellinzago tra Nuova Frontiera e lo Speranza Agrate, entrambe formazioni in lotta con le biancorosse per la conquista del secondo e terzo posto, entrambi valevoli per disputare i play off promozione.

A tale proposito è notizia di questi giorni l’ufficialita’ della disputa del big match tra il Mantova femminile e lo Speranza Agrate in programma per il 9 aprile 2017, nella splendida cornice dello Stadio Martelli concesso per l’occasione dal Comune di Mantova e dal Mantova Fc. Sarà la prima volta Ufficiale per una squadra targata Mantova Femminile di calcare il terreno di uno stadio che ha contribuito a fare la storia del calcio nazionale.