Mantova 1911: ennesima farsa a danno dei tifosi.. probabili ripescate Modena e Reggio




Mentre “impazza” il calcio mercato in casa biancorossa, con arrivi a dir poco “eclatanti” e partenze  importanti quali Ferri Marini ( bomber dello scorso campionato), Silvestro,  vera e propria rivelazione dell’anno e ceduto seppur in prestito al Rimini, in casa biancorossa si è in attesa dell’evoluzione della telenovela Guccione, il bomber ostigliese che sta sfogliando la classica margherita prima di decidere se tornare nella propria terra o lasciarsi attrarre dalle sirene rappresentate da colossi del calciomercato quali Adriese, Renate e via dicendo, formazioni contro le quali la cenerentola Mantova non puo’ evidentemente competere.

Al di la’ delle facili battute, quello che in questi giorni sta dando piu’ da pensare è la farsa alla quale stiamo assistendo relativamente ai ripescaggi ormai prossimi in Serie C.  Come noto i nostri solerti dirigenti , visto l’esito purtroppo negativo della stagione regolare terminata col successo del Como, hanno spinto al massimo la tifoseria richiedendo il sostegno per vincere quei playoff che in caso di vittoria della finale avrebbero, a loro detta,  assicurato una posizione di privilegio nella graduatoria dei ripescaggi stessi. La piazza , certa di avere alle spalle dirigenti competenti e soprattutto coscienti delle norme in atto e della relativa capacita’ finanziaria, ha come sempre risposto presente, ma la finale con la Pro Sesto ha portato un ennesima delusione con i biancorossi relegati al decimo posto della graduatoria delle possibili squadre papabili di ripescaggio.



E qui casca l’asino. I nostri “dirigenti” hanno prima dichiarato (25/06/2019) di non voler procedere ad alcuna domanda, visto il lontano piazzamento in graduatoria , poi visti i sei posti liberatisi in Serie C dalle mancate iscrizioni e dalle rinunce di chi avrebbe avuto diritto,  hanno cambiato opinione dichiarando che avrebbero fatto il possibile per essere tra i fortunati possessori del biglietto di ingresso in Serie C, risollevando in questo modo il morale di una tifoseria stanca di bastonate sportive e non. Peccato che non piu’ tardi di due giorni dopo, quando si doveva andare al dunque, l’azionista di riferimento Setti ha dichiarato che “il ripescaggio non verra’ richiesto, in quanto non permesso dalle norme sportive in essere (art 16 bis comma 4)”..

Per completezza riportiamo il famoso articolo citato dai nostri dirigenti:

Non si dà luogo alle sanzioni di cui al comma 3 ( ndr sanzioni per illecito, non iscrizione ai campionati, sospensione e revoca dei contributi federali), qualora il controllo derivi da successione mortis causa a titolo universale o particolare, o da altri fatti non riconducibili alla volontà dei soggetti interessati. Qualora sopravvengano, per i suddetti motivi, situazioni tali da determinare in capo al medesimo soggetto situazioni di controllo diretto o indiretto in società della medesima categoria, i soggetti interessati dovranno darne immediata comunicazione alla FIGC e porvi termine entro i 30 gg successivi”.

Ma stiamo scherzando signori????!!!!!! Se si voleva fare richiesta, la si doveva fare ugualmente visto che si parla di controllo diretto o indiretto nella medesima categoria e non ci risulta che il Mantova ed il Verona siano entrambe in Serie A o B (sigh!) , e comunque si poteva procedere alla  riduzione della partecipazione azionaria di Setti sotto il 50%. Per ultimo, se anche non fosse stato possibile e l’interpretazione fosse errata,  QUESTO IMPEDIMENTO ERA DA SAPERE DA INIZIO TORNEO , senza prendere per i fondelli una intera citta’!!!! Se non si volevano spendere , anche a giusta ragione per carita’ , gli oltre 600 mila euro tra fondo perduto e fidejussione LO SI DOVEVA DIRE DA SUBITO!!  E’ ORA DI FINIRLA DI PRENDERE IN GIRO UN INTERA PIAZZA!!

Per gradire poi, ecco la ciliegina sulla torta. Viste le rinunce di diverse societa’ di Serie D aventi diritto quali Matelica, Pro Sesto e via dicendo, la graduatoria dei ripescaggi vede in pole position formazioni quali in Modena ( secondo nel proprio girone) ed addirittura il Reggio Audace (terzo nel proprio girone e posizionato ben dietro il Mantova nella graduatoria dei ripescaggi). Ennesima beffa per i tifosi biancorossi che vedranno salire di categoria formazioni di tifoserie rivali e limitrofe , con la terra di Virgilio relegata per il terzo anno consecutivo ancora in Serie D , categoria che iniziamo a pensare sia adatta ad una dirigenza dilettantistica allo stato puro e comunque non è sincera verso una piazza che ha dato prima di non ricevere..

Ma ora ci sara’ il calcio mercato, arriveranno campioni da destra e manca e verranno chiesti gli abbonamenti, confidando che la piazza dimentichi questa pagliacciata estiva..

Per una volta il nostro invito è quello di sostenere SEMPRE E COMUNQUE il MANTOVA pagando il biglietto, ma di non sottoscrivere a scatola chiusa gli abbonamenti proposti da una dirigenza che è stata tutto meno che sincera verso la piazza. DA OGGI  PER QUANTO CI RIGUARDA  PRIMA DARE RISULTATI , POI AVERE  CAMMELLO.

Il Duca